Come scegliere le lamette e il rasoio giusti per voi

Selezione di differenti lamette.

Un vecchio adagio recita che ogni volto vuole il suo rasoio e la sua lametta. In parole povere la lametta che va bene per me non è detto che vada bene per te e lo stesso vale del rasoio.

Quindi una delle prime prove che attende chi vuole radersi bene è capire quale lametta e quale rasoio fa per lui.

Su cosa ci si deve basare per scegliere?

Vediamo comunque quali sono i fattori in gioco da valutare.

Per le lamette uno dei fattori da considerare è quanto tagliano ovvero quanto sono affilate.  Si potrebbe assumere che tanto piú una lametta è affilata tanto meglio sia. Non è così. La sensibilità individuale della pelle e la durezza dei propri peli potrebbero in realtà rispondere meglio a lamette meno affilate.

Il secondo punto da considerare è la “docilità”. Una lametta “docile” scivola sulla pelle senza irritarla. Molti confondono docilità con “scarsa affilatura”. No. Certamente alcune lamette sono piú affilate di altre, ma quello che conta di piú per la docilità è la qualità e regolarità del filo nonché la sua eventuale finitura o rivestitura.

L’ultimo punto da considerare è la durata. Una buona lametta dovrebbe durare almeno tre “barbe”. Mi sembra un minimo sindacale da considerare e in realtà non è infrequente che alcune persone riescano a far durare la lametta anche per un’intera settimana di rasature. È comunque un parametro meno importante visto il costo relativamente basso di molte lamette.

Per il rasoio il parametro piú importante è l'”aggressività”. Questa indica quanto è in grado di radere a fondo. Un rasoio aggressivo è in grado di tagliare a fondo subito e senza troppe passate mentre un rasoio piú “dolce” tende a dare una rasatura meno profonda. D’altro canto un rasoio aggressivo potrebbe tagliare anche altro oltre alla barba…

Come fare la scelta

Selezione di differenti rasoi.

Sembra difficile ma in realtà non è un problema insormontabile. Non si tratta di trovare la combinazione ottima ma una combinazione che funzioni e, probabilmente, ce ne sono tante che fanno al caso vostro. Il costo relativamente basso delle lamette permette inoltre di provarne tante tipologie; da alcuni venditori è possibile acquistare i “blade sample” ovvero confezioni con lamette di differenti marche. E quindi il tutto si riduce a provare.

Montate la vostra lametta –nuova– e fatevi la barba. Se l’accoppiata rasoio/lametta funziona allora il rasoio deve scivolare senza problemi sulla pelle e permettervi di ottenere una rasatura confortevole e senza tagli o irritazioni.

Se viceversa le cose non vanno bene vediamo quale può essere il problema:

  • il rasoio sembra non tagliare ed occorre ripassare piú volte su alcune parti del volto per ottenere una rasatura soddisfacente: è uno dei casi piú semplici, il rasoio è troppo poco aggressivo. Se è un rasoio regolabile non avete che agire sulle impostazioni per aumentare l’esposizione del filo della lama oppure lo spazio tra lametta e barra o pettine. In minima parte questo è possibile anche con rasoi a tre pezzi allentando il serraggio ma si tratta di una regolazione minimale. Molti potrebbero pensare che una lametta piú affilata possa compensare questo problema; in parte è vero ma se il problema è il rasoio, agite sul rasoio!
  • la lametta gratta troppo sulla pelle e in pratica rimuove totalmente la barba ricresciuta in una sola passata: è il problema opposto al precedente ovvero qui state usando un rasoio troppo aggressivo. Un rasoio eccessivamente aggressivo tende ad amplificare i problemi delle lamette. Lamette che per loro natura sono poco docili possono rivelarsi micidiali con un rasoio aggressivo.
  • il rasoio tende a non scivolare bene, si impunta, salta e occorre spingerlo in alcune zone: ecco questo è il tipico effetto che fa una lametta poco affilata per la propria barba che si “blocca” contro i peli che non riesce a tagliare e magari non taglia il pelo ma la pelle…
  • alla prima passata il rasoio non da alcun problema ma ci si irrita se si fanno una seconda o una terza passata: è il tipico comportamento di una lametta troppo affilata per la nostra pelle. Basta fare un test con un dopobarba alcolico o con l’allume di rocca; se dopo una prima passata non brucia o brucia perlomeno poco ma vi fa ululare dopo altre passate siete proprio in questa situazione. Alla prima passata i peli sono in grado di tener lontano la lametta dalla pelle ma una volta tagliati la lametta tende ad affondare nella pelle perché troppo affilata per la vostra cute con relativa irritazione.
Questa voce è stata pubblicata in lamette, primi passi, rasoi. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Come scegliere le lamette e il rasoio giusti per voi

  1. Ettore ha detto:

    Cosa ne dite delle lamette Bic Chrome Platinum?

  2. Franco ha detto:

    io le uso regolarmente e trovo che siano tra le migliori provate.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...