Petersburg Products International e le politiche della Gillette

Zavod Gillette, Pulkovskoye Sh. 54, St. Petersburg.

Attualmente la piú grande fabbrica di lamette in Europa è la Petersburg Products International nota anche con l’acronimo di PPI di proprietà della Gillette ovvero Procter&Gamble. Da come è nata e si è evoluta tale fabbrica si può anche intuire come evolverà il mercato delle lamette. Vediamo un po’ di storia quindi.

Già prima della caduta del Muro di Berlino la Gillette pianificava il rientro nel mercato russo mediante accordi commerciali. Ma con il 1989 e la riduzione dei vincoli imposti alle compagnie occidentali per operare in Unione Sovietica si sono aperte ulteriori possibilità  e già nel 1990 la Gillette annunciava pubblicamente i suoi intenti. Nel 1991 venivano acquistate le fabbriche Leninets di San Pietroburgo (all’epoca ancora Leningrado) il secondo produttore di lamette in Russia; ma solo nel 1993 la nuova  Petersburg Products International iniziava la produzione.

Espansione

Come accennavamo, ad oggi PPI è il maggior produttore Europeo di lamette. Tutto questo è stato ottenuto con una progressiva politica di accentramento di altre aziende nel settore. Nel 1996 fu incorporata la FCP produttrice delle lamette Sputnik come già nel 1992 era stata acquisita la Wizamet produttrice delle Polsilver e delle Super Iridium e nello stesso periodo la cecoslovacca Prago Union produttrice delle Astra e delle Tiger. Ma non era solo il mercato dell’ex blocco sovietico ad interessare la Gillette e infatti anzhe la turca Permatik Celik Sanayi produttirce delle Permasharp fu acquisita nello stesso periodo in cui la Gillette entrava anche nel mercato Pakistano e Indiano con il proprio nome.

Accentramento

Parallelamente a questa fase di acquisizione è iniziata purtroppo anche una fase di accentramento della produzione. Le lamette pesano poco e si possono trasportare facilmente. È quindi piú conveniente accentrare la produzione in pochi posti per ridurre i costi. Nel 2003 la produzione delle Astra e delle Permasharp veniva spostata a San Pietroburgo e nel 2004 in analogia venivano chiuse le fabbriche in Gran Bretagna per spostare la produzione in Russia. Analoga sorte seguivano gli stabilimenti polacchi Wizamet.

Attualmente quindi tutte queste lamette vengono prodotte presso la PPI. Sono differenti tra di loro? Sicuramente non sono tutte uguali visto che personalmente ne abbiamo provate molte e si comportano in maniera differente.  In cosa e quanto differiscano non è però dato sapere. Può darsi che seguano linee di produzione e utilizzino materiali differenti visto che in molti casi sono stati trasferiti anche i macchinari dalle fabbriche originarie.  Così come può essere che le differenze si limitino alla semplice finitura e alla marca impressa.

Una cosa sicuramente accomuna le lamette prodotte presso la PPI: gli odiosi punti di colla (in realtà paraffina) usati per sigillare le lamette che spesso ricoprono anche il filo.

Attualmente dovrebbero essere prodotte presso la PPI le seguenti lamette:

  • Astra platinum e super stainless
  • Gillette 7 O’Clock (verdi e gialle)
  • Gillette Super Stainless e Platinum
  • Nacet
  • Tiger
  • Permasharp
  • Sputnik
  • Rotbart

Decrescita

Sopra indicavo ragioni di economicità in merito all’accentramento della produzione a San Pietroburgo. In parte è vero ma ci sono, purtroppo, anche altre motivazioni.

I guadagno derivanti dalla produzione di lamette sono infatti irrisori rispetto a quelli ricavati dalle costose testine dei multilama. La Gillette, non appena le condizioni economiche dei paesi dell’europa orientale lo permettevano, ha impiegato massive campagne di marketing per convincere gli ignari consumatori ad abbandonare l’uso di lamette per i ben piú costosi usa e getta o multilama. La produzione di lamette per il mercato residuo e ormai minoritario è stata prontamente spostata in Russia. Una cosa analoga sta succedendo in questi anni in India e infatti girano anche voci in merito al trasferimento della produzione indiana in Russia.

Esiste però un passo successivo che è l’eliminazione di alcune marche, come ad esempio le Iridium e le Polsilver, una volta che il mercato non è piú ritenuto vantaggioso. È quindi già successo e sicuramente succederà n futuro…

Siete quindi abituati ad usare le lamette provenienti da San Pietroburgo e non volete cambiare? Beh, fatene scorta!

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in varie ed eventuali. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Petersburg Products International e le politiche della Gillette

  1. Pingback: POLSILVER stainless: una polacca emigrata in Russia | Arte del Radersi

  2. Pingback: Rotbart Extra Dünn, l’extra sottile ma non troppo | Arte del Radersi

  3. Claudio ha detto:

    ho visto pacchi di astra verdi su ebay che riportano la scritta repubblica ceca, quindi potrebbero essere vecchi rispetto a quelli prodotti in russia?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...