I multilama a lamette dal genio italico all’Est Europa

Se chiedessero al classico uomo della strada chi ha inventato i rasoio con 5 lame che tagliano contemporaneamente non avrei dubbi che quasi il 100% degli intervistati risponderebbe: la Gillette!

Ebbene, in realtà i rasoi a 5 lame sono stati inventati… in Italia!

Il rasoio Multiplex (immagine tratta dal “catalogo delle Lamette da Barba“).

E mica l’altro ieri,  ma oltre 80 anni fa.  Il geniale Mino Pelizzola inventò il rasoio Multiplex in cui si potevano inserire 5 lamette sovrapposte. Non solo ma il rasoio era fornito di confezione per appenderlo a testa in giú in apposito liquido disinfettante e detergente.  Ogni lametta della marca Multiplex era incartata in una confezione che all’interno riportava frasi celebri di personaggi di grande prestigio dell’epoca (Trilussa, Marconi, Petrolini etc.).

Lametta Multiplex con motto di Guglielmo Marconi.

Il Multiplex venne propagandato come il rasoio che permetteva di potersi radere in 1/5 del tempo; probabilmente, nonostante la genialità dell’inventore, l’idea della prima lama che tira e la seconda che taglia più a fondo non gli era venuta.

Non ebbe successo per tutta una serie di motivazioni: costo eccessivo (un solo ricambio di lamette costava 6 lire che all’epoca non erano poche mentre il rasoio partiva da 90!), peso eccessivo, assoluta scarsa manovrabilità e facilità di tagliarsi.

Qualcuno potrebbe chiedersi come si comporta rispetto ad un moderno multilama. Ma non è proprio da tutti poterlo provare; il Multiplex è infatti diventato un oggetto da collezionismo assai ambito e raggiunge cifre notevoli sul mercato.

A quanto pare però, l’idea di un multilama a lamette da rasoio di sicurezza non è morta del tutto.  Nell’odierna Russia la Moscovita ОАО Контакт produce tutt’oggi due rasoi bilama che sfruttano due lamette: il «Сайвер» (Sayver)  e il suo equivalente pieghevole.

L’idea di base è quella del vecchio Multiplex, si usano due lamette sovrapposte e separate da uno spessore metallico scanalato. Anzi qui c’è la complicazione che la lametta superiore deve essere prima spezzata (perché?).

Il rasoio russo Сайвер, moderno bilama a lamette tradizionali.

Il costo di questo rasoio è comunque basso e lo si trova facilmente su ebay a circa 10 euro spedizione inclusa. Merita una prova? Come già detto ritengo i multilama un errore; visto però che tale opinione non è basata solo sulla presenza di più lame credo proprio che me lo procurerò!

Questa voce è stata pubblicata in varie ed eventuali, vintage. Contrassegna il permalink.

3 risposte a I multilama a lamette dal genio italico all’Est Europa

  1. mauro ha detto:

    Bellissimo questo articolo, mah non capisco perchè spendere tanto per un multilama, quando una lametta sola riesce a fare una rasatura da favola! Boh?! Anche secondo me sono un errore, ma come si dice…c’è a chi piace ed a chi non piace. però penso che una scelta dovrebb essere consapevole e sono convinto che se uno provasse un DE se non uno shavette ed imparasse ad usarlo, ai multilama non penserebbe più.

  2. cristian ha detto:

    Sicuro mi sembra di aver letto che questo rasoio e’ stato inventato da Gabriele D’annunzio e che se lo volete vedere si trova a Milano al museo Lorenzi, ma magari mi sbaglio.

  3. Colui ha detto:

    La lametta superiore deve essere spezzata perché a differenza del multiplex questo rasoio permette di alternare tutti e due i lati come un normale DE; per mantenere l’arretramento dei fili della lama superiore quest’ultima deve essere spezzata e parzialmente sovrapposta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...